"Il solito, per favore!"

Se da una parte il blog e il gruppo facebook mi hanno dato la possibilità di percepire un’energia nelle persone che forse mai mi era accaduto di sentire (e mi ha sorpresa), dall’altra non vedo l’ora di ritornare alla mia solita vita.

Il portatile in borsa con dentro custoditi i miei romanzi, le lezioni all’università, gli studenti e la sottile ansia che accompagna ogni nuovo incontro, le torte salate e i guanti spaiati con cui le estraggo dal forno, il ritorno di Ryosuke a casa ogni sera e non dedicarmi ad altro che a lui, sentire i suoi racconti, offrirgli i miei e andare a dormire con quelli di entrambi mescolati nella testa.

Le passeggiate con la Gigia, il suo sederotto buffo, le orecchie a forma di antenne e le pulizie di casa per riparare ai suoi unici doni: i peli. Usaghino, i discorsi del cuscino, i caffè con Miwa, le chiacchierate con Keiko con la sua splendida bimba sempre in braccio,  i discorsi che s’aprono a ventaglio. La Banda di Marco, Carla, Sara e Alessandra. Il dottorato a cui ho pensato ormai abbastanza per decidere che è arrivato il momento di provare a realizzarlo. Il corpo, il mio fioretto, la lingua giapponese che non mi basta mai.

I treni, scrivere nel ventre della Tozai, della Sobu, della Chuo o della Yamanote. La massa di gente stipatavi dentro e la sensazione di divenire parte del corpo di un altro. La spesa in bicicletta, il cestino che trabocca di verdure.

E già non vedo l’ora che sia estate per andare con Ryosuke a Sendai per il Festival di Tanabata e abbracciare così virtualmente anche Matsushima e le zone più colpite dal terremoto e dallo tsunami.

Difficilmente si potrebbe amare così tanto una città e una popolazione. Io devo al Giappone la realizzazione di tutti i miei desideri e, quando si riceve così tanto, ricambiare è d’una ovvietà inesprimibile. Diviene addirittura una necessità.

Fosse un cibo sarebbe “il solito”. Quello che, varcata la soglia del ristorante, il cameriere ti porterà immediatamente. Senza bisogno di ordinazione, perchè ha già capito, perchè chiedi sempre lo stesso e sei diventato così prevedibile che quasi non esistono eccezioni.

Sarà che ultimamente mi è passato l’appetito e al cibo penso spesso ma di questo sono assolutamente certa: se il Giappone, e Tokyo soprattutto, fossero un piatto io non ne avrei mai abbastanza.

“Il solito, per favore!”


がんばれ日本! Forza Giappone!

*La prima foto l’ho scattata a Shibuya qualche giorno fa, la seconda in estate dal Mori Museum di Roppongi

18 thoughts on “"Il solito, per favore!"

  1. Ahh quanto t’invidio… il Giappone ti entra nell’animo, davvero e concordo con te: ganbare Nippon!!! 😀
    Ho fatto pure un disegnino in tema, vuoi vederlo?
    Se si, ti dò il link.

  2. anch’io seguo solo da poco il tuo blog ma devo dire che mi piace davvero molto leggerti. Spero continuerai a scrivere.
    Nel frattempo non posso far altro che dire anch’io: Forza Giappone! 🙂

    un caro saluto

  3. Domo arigatou! 😀 Son contenta che ti sia piaciuto. Che anime ti piacciono? Penso che, stando in Japan, non si possa comunque prescindere da anime e manga, il loro immaginario è così ‘fumettoso’ e kawaii, i disegni x le cose + disparate (cartelli pubblicitari, avvisi vari ecc.) sono tutti disegnati così, no? Li ho visti su altri blog a tema Japan, quindi… :))

  4. A me piacciono tutti quelli di Urasawa (syonen manga, manga per ragazzi) tipo 20 century boys, mushishi… eppure per me sono stati una scoperta a posteriori. ^^
    Sei brava! Continua a disegnare!

  5. Ah Naoki Urasawa, ho letto Monster, bellissimo e ho visto Yawara! anni fa…
    Grazie x i complimenti, ho sempre disegnato fin da piccolissima e di certo continuerò! 😉

  6. credo che prendero’ questa come risposta alla mia domanda di ieri(?) su facebook…. davvero una splendida condivisione di sensazioni. se mai verrò in Giappone (quando soldi-lavoro e fifa dell’aereo si incontreranno in un trigono positivo) ti chiederò di poterci prendere un buon tè in compagnia e una stropicciata alla Gigia. ^___^ Liana

  7. Studio Giapponese all’università..e leggere il tuo blog è ogni volta una motivazione in più per non arrendermi =w= ありがとうございます!spero anche io di avere un giorno i soldini per poter andare in Giappone e non buttare nel vuoto tutto l’impegno çAç

  8. In tutta onestà mi è difficile capire fino in fondo ciò che provi. Non amo l’Italia, la detesto, però mi ha dato tanto e qui c’è tutto il mio mondo. Ho un amore profondo per il Giappone, con i suoi pro e i suoi contro. E con le sue numerose contraddizioni. Ma non tanto profondo da lasciare tutto per viverci. Tra meno di un mese sarò lì per la terza vacanza e continuo a pensare che, per me, il suo giusto posto sia quello di un rifugio in cui rigenerarmi. Sinceramente non credo mi piacerebbe vivere in un rifugio. Ma forse, pensandoci bene, è solo il discorso della volpe e l’uva. O no? Sia come sia, come sempre un post incantevole. 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*