Video di Shibuya e Shinjuku… notare l’esodo di massa o_O

Stazione di Shinjuku, arrivo e partenza della Yamanote.

Strisce pedonali di Shibuya da una diversa prospettiva.

L’incrocio di notte, prima i mezzi (notare che si tratta prettamente di mezzi pubblici e taxi per evitare il consumo di benzina e i maxi schermi spenti).

 

10 thoughts on “Video di Shibuya e Shinjuku… notare l’esodo di massa o_O

  1. strano che non abbiano sostituito le musichette della Yamanote con quella di Profondo rosso, eh…

    Complimenti per questo blog. Purtroppo non abito a Tokyo ma ci vengo ogni volta che il lavoro me lo permette perché amo questa città più di ogni altra cosa e leggendo i tuoi post e vedendo le tue foto mi sento un po’ più vicina ai luoghi cari.

  2. @ Missrettore, ahahahahaha! Verissino. Ci voleva Dario Argento scendere dalla yamanote ghignante o Lucarelli giungere le mani in modo misterioso! ^o^

    Continua pure a venirci… come vedi sia sempre tutti qua. E sempre in troppi! ^^

  3. Tokyo, quanto tempo ^^
    Però quando me ne sono andato nel Touhoku mi sono goduto il Giappone molto di più 🙂

  4. Grazie per questi video… la nostalgia è tanta che quando ho visto il primo ho pianto…
    Cmq, fa davvero effetto vedere la città così deserta e la gente così terrorizzata e malata…
    (!!!!)

  5. Bravissima!! Solo un consiglio, magari la prossima volta fai vedere qualcosa con una data o che (o magari dilla tu) mica che qualche furbo possa dire che siano video girati prima dell’ 11 marzo… 😉

    Ciao

  6. @Missrettore, in effetti… cercavo solo scuse per giustificare la cosa a me stessa ahahahah

    @Barzi, Tokyo non e’ il Giappone. Su questo ci troviamo assolutamente d’accordo. ^^

    @Ruage, hai ragione…. forse e’ per questo che pioveva. Anche il cielo stava piangendo…. PRRRRRRRRR! ahaha

    @Elisa, ora e data sono presenti alla fonte, ovvero sul canale di youtube. ^^ … poi chi non vuole credere, non lo fara’ neppure davanti all’evidenza. E io, come ben leggi, non sto parlando a loro bensi’ a voi. :***

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*